fials coronavirus civico organico

Altro medico positivo al Cervello, la Fials: «Pronti ad una raffica di denunce»

24 Marzo 2020

Il sindacato ha distribuito dei moduli che andranno controfirmati dai dipendenti in modo da segnalare alle autorità ogni violazione delle regole

 

di

PALERMO. Scatta la denuncia dei lavoratori della sanità contro il mancato rispetto delle norme sulla sicurezza da parte delle aziende ospedaliere e delle Asp.

La Fials-Confsal di Palermo ha distribuito dei moduli che andranno controfirmati dai dipendenti in modo da segnalare alle autorità ogni violazione delle regole a partire dall’assenza dei dispositivi di sicurezza fino al controllo sulla salute dei lavoratori stessi. La denuncia è sottoscritta anche dal segretario provinciale della Fials, Enzo Munafò.

La Fials segnala intanto all’ospedale Cervello un altro caso di contagio legato a comportamenti poco corretti. Un medico di Ostetricia tornato dalle ferie, per disposizione della Direzione sanitaria è tornato in servizio e dopo 4 giorni è risultato positivo.

“Questo è stato possibile – spiega Munafò – perché il Dl 18 del 17 marzo, all’articolo 7 prevede che tutti i cittadini che rientrano da ferie o altro devono rimanere in quarantena, ma se sono sanitari asintomatici possono tornare in servizio senza quarantena. Questi sono i risultati. La Fials nazionale ha chiesto la modifica di questa norma scellerata e non supportata da nessuna certificazione scientifica”.

Conclude Enzo Munafò: “Vogliamo essere fiduciosi che il presidente Conte raccolga il nostro appello e modifichi velocemente l’art. 7 del suo decreto”. Intanto al Cervello non si procede a rilevare i tamponi per tutto il personale sanitario trasgredendo l’ordinanza del presidente Musumeci.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV