Dal palazzo

L'appello

Allergie respiratorie, Catania (FdI): «La Regione sostenga il ricorso alla terapia desensibilizzante»

Il deputato regionale di Fratelli d'Italia ha annunciato un disegno di legge durante una conferenza che si è svolta a Palazzo dei Normanni

Tempo di lettura: 2 minuti

Martedì 21 novembre si è tenuta a Palazzo dei Normanni (sala Gialla “Piersanti Mattarella”) una conferenza sul tema dell’eguaglianza di accesso all’impiego delle terapie curative per il trattamento delle allergie respiratorie. L’iniziativa è stata voluta dal deputato regionale Giuseppe Catania (FdI), il quale sottolinea: «Sono grato a tutti i relatori che hanno partecipato a questa conferenza e fornito dati fondamentali per poter lavorare a un disegno di legge che preveda il sostegno della Regione per far sì che anche i siciliani possano usufruire di una terapia curativa come la terapia desensibilizzante. È compito delle istituzioni essere vicino al cittadino e sviluppare una politica inclusiva e non differenziante in base alla regione di appartenenza».

Sono intervenuti alla conferenza la dirigente medico dell’ospedale pediatrico “Di Cristina” dottoressa Maria Valentina Catania insieme al dirigente medico dottor Aldo Barone, il professor Danilo Di Bona, direttore della scuola di specializzazione di Geriatria di Foggia, il presidente di FederAsmaallergie Mario Picozza, la Coordinatrice Nazionale FederAsmaallergie Filomena Buliaro e l’avvocato Valentina Bongiorno delegata FederAsmaallergie Sicilia, intervenuti in remoto.

Si stima che ogni anno in Italia circa dieci milioni di persone si ammalino di allergie respiratorie derivanti dalla presenza di pollini nell’aria e la metà di essi ricorrano a cure. Si calcola che circa il 20% per cento della popolazione soffra di allergie, fenomeno in crescita soprattutto tra i più giovani e le donne. In termini economici questa patologia incide più della tubercolosi e dell’Hiv combinati.

«Il finanziamento per supportare l’utilizzo della terapia desensibilizzante deve essere considerato un investimento a lungo termine- ha dichiarato il dottor Aldo Barone- Specialmente nei bambini, dove un utilizzo precoce della terapia permette di bloccare la cosiddetta marcia allergica, quindi un risparmio nel tempo a fronte di un investimento nel presente». Della stessa opinione il professor Di Bona che ha documentato, attraverso studi di farmaeconomia, la fondatezza della valutazione positiva del rapporto costo-efficacia nei confronti della terapia desensibilizzante verso l’utilizzo della strategia sintomatica.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche