Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Studi medici ambulatori

Contro il Coronavirus.

Al via intesa in Sicilia: medici liberi professionisti e odontoiatri vaccinati e vaccinatori

Lo prevede un protocollo siglato dall'assessore regionale della Salute Ruggero Razza e dal presidente dell'Ordine dei medici di Palermo Toti Amato, in rappresentanza degli Omceo siciliani.

Tempo di lettura: 3 minuti

In Sicilia anche i medici libero professionisti e odontoiatri iscritti ai rispettivi albi saranno chiamati su base volontaria alla somministrazione del vaccino anti Covid e a riceverlo in via prioritaria.

Il via libera è arrivato stamattina dalla Regione grazie ad un protocollo siglato dall’assessore regionale della Salute Ruggero Razza e il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo Toti Amato, in rappresentanza degli Omceo siciliani. Presente alla firma anche il presidente Cao Messina Giuseppe Renzo, coordinatore regionale delle Commissioni albo odontoiatri.

L’intesa stabilisce le modalità di vaccinazione e di reclutamento dei professionisti vaccinatori. «Se l’obiettivo è incrementare il numero di hub vaccinali e distribuire prima possibile in modo capillare il vaccino da destinare alla collettività- ha spiegato Amato-  era necessario un riscontro formale che includesse tutti i medici iscritti e gli odontoiatri. Grazie al lavoro sinergico con gli altri Ordini provinciali le dosi vaccinali disponibili saranno ridistribuiti secondo un unico criterio in tutta la Sicilia. Senza disparità, le modalità saranno commisurate al rischio concreto di esposizione al contagio».

Ogni Ordine provinciale provvederà a stilare due elenchi (albo medici e albo odontoiatri) di prenotazione degli iscritti per ricevere o somministrare il vaccino. Le due liste saranno pubblicate nei rispettivi siti istituzionali e inviate all’Asp di competenza.

 «La professione odontoiatrica è tra quelle più a rischio contagio per la natura stessa dell’attività. Pur adottando ogni cautela e protezione, difficile eliminare del tutto il pericolo di infezione», ha sottolineato il presidente Renzo ringraziando poi i presidenti di tutte le Cao provinciali per il loro supporto e l’assessore Razza «per aver compreso tale rischio e accolto le richieste degli odontoiatri con la firma di questo protocollo».

I rappresentanti CAO in una foto prima della pandemia

«È un risultato molto importante- commenta il presidente dell’OMCeO peloritano Giacomo Caudo– perchè coinvolge tutta la componente medica in modo autonomo e indipendente dalle posizioni lavorative del singolo, che erano eventualmente già previste dal luogo di lavoro di ciascuno e in particolare riguarda pediatri di libera scelta, professionisti autonomi, in pensione o medici non collocati all’interno di nosocomi, cliniche ecc. per cui era già stata predisposta una copertura nel piano vaccinale».

Solo all’Ordine di Messina sono complessivamente ben 6684 gli iscritti (6049 medici e 634 dentisti. Un dato da sottolineare anche l’utilità di predisporre nel più breve tempo possibile, da parte degli stessi Ordini, gli elenchi delle persone interessate a ricevere la dose di vaccino, in collaborazione con l’ASP di riferimento e la stessa disponibilità di iscritti negli elenchi ordinistici disponibili a prestare aiuto e supporto alla realizzazione del piano vaccinale come operatori, a titolo gratuito.

Battaglia vinta anche per quanto riguarda la componente odontoiatrica: «La costruttiva interlocuzione instaurata con l’assessore Razza – spiega Giuseppe Renzo, presidente della CAO (Commissione Albo Odontoiatri Messina) e del Coordinamento interregionale delle CAO siciliane – ha sortito i suoi positivi e immediati effetti. Viene affidato da subito alle CAO provinciali, per la categoria dentisti,  il compito di provvedere alla compilazione degli elenchi di tutti i professionisti iscritti al rispettivo albo richiedenti la somministrazione. È stata inoltre prevista la copertura vaccinale per i collaboratori di studio dei liberi professionisti. Di non poca rilevanza di predisporre anche liste di chi, in forma volontaria, opererà come vaccinatore».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati