Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
aggressioni Smi violenza medici legali

Dal palazzo

La richiesta al governo regionale

Aggressioni negli ospedali siciliani, lo Smi sollecita un tavolo tecnico con sindaci e prefetti

L'iniziativa del Sindacato dei Medici Italiani.

Tempo di lettura: 1 minuto

«Abbiamo inviato una lettera al nuovo Governo regionale e all’assessore alla Sanità, Ruggero Razza, affinché si convochi una Conferenza dei Servizi, che coinvolga non solo le direzioni generali, da attivare maggiormente, ma anche i sindaci delle principali città dell’isola e i Prefetti, in quanto rappresentanti per l’ordine pubblico e la sicurezza di tutti i cittadini».

Lo ha annunciato il segretario regionale del Sindacato dei Medici Italiani-Smi Sicilia, Paolo Carollo, intervenendo sulle ricorrenti aggressioni che si stanno verificando a danno degli operatori sanitari degli ospedali siciliani.

«Uno Stato sempre più assente o impotente rispetto a dei bisogni primari come il diritto alla salute e alla convivenza civile deve dare risposte chiare. Il silenzio è complicità», sottolineano dal sindacato.

«Si assiste a un’escalation di violenza, dagli attacchi verbali a quelli fisici- ha denunciato il presidente regionale Smi, Rosalba Muratori– Occorre una ferma volontà civile ed istituzionale affinché si appronti una azione integrata ed efficace che, partendo dall’ordine pubblico generale, garantisca la sicurezza sul posto di lavoro», ha aggiunto l’esponente sindacale.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati