medicina d'urgenza giuseppe bonsignore

Dal palazzo

La nota

Aggressione al Policlinico “Giaccone”, Cimo Sicilia: «Ennesimo episodio, urgono interventi»

Il segretario regionale del sindacato dei medici commenta quanto accaduto nel reparto di Gastroenterologia del “Paolo Giaccone".

Tempo di lettura: 2 minuti

«Stavolta è toccato a un medico del Policlinico di Palermo. Non è certo una novità e non sarà neanche l’ultima volta visto che all’arrivo di Polizia o Carabinieri questi delinquenti vengono identificati e denunciati all’autorità giudiziaria e prontamente rimessi in circolazione e in condizione di tornare immediatamente a delinquere».  Lo dichiara il segretario regionale CIMO, Giuseppe Bonsignore (nella foto) commentando l’aggressione nei confronti di un medico in servizio presso il reparto di Gastroenterologia del “Paolo Giaccone”.

«A poco serve esprimere pubblica solidarietà al malcapitato collega cui è toccato il proprio turno di essere aggredito, insultato, offeso, malmenato in maniera selvaggia, violato nella propria dignità professionale ed umana se, oggi come in passato, le istituzioni preposte non garantiscono l’incolumità del personale sanitario durante lo svolgimento del proprio lavoro- aggiunge Bonsignore- Il breve periodo degli “eroi” della pandemia è durato lo spazio di un mattino e i medici ospedalieri sono tornati a fare da bersaglio e da sfogatoio di una rabbia sociale che serpeggia soprattutto in contesti sociali degradati pronta ad esplodere nella violenza più bieca. E nessuno fa niente per limitare i danni, tanto le botte le prendono medici e infermieri. Troppo spesso leggiamo che gli aggressori hanno eluso la vigilanza, ma questo non è accettabile e significa che quanto fatto finora non è lontanamente sufficiente a tutelare medici e infermieri».

«Per l’ennesima volta– conclude Bonsignore- torniamo a chiedere di mettere in campo tutte le misure necessarie a tutelare l’integrità fisica degli operatori sanitari prima che la situazione precipiti o che la prossima volta accada qualcosa di ancora più grave».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche