Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
sisifo

ASP e Ospedali

Catania

Adi, sciopero dei fisioterapisti. Esposto della Sisifo alla Procura della Repubblica

"Nonostante il protrarsi dell'agitazione - afferma il consorzio Sisifo - a tutti i pazienti è stato garantito l’invio di almeno un professionista"

Tempo di lettura: 3 minuti

Con un’istanza di precettazione degli operatori responsabili del servizio di fisioterapia, il Consorzio Sisifo, gestore dell’Assistenza Domiciliare a Catania, ha inviato ieri una nota al Prefetto di Catania, all’Assessorato regionale alla Sanità, all’Asp e alla Procura della Repubblica “perché se sono legittime le rivendicazioni economiche e lo stato di agitazione annunciato, altra è l’astenersi per diverse settimane dal servizio – si legge nella nota- dimenticando che fruitori delle prestazioni riabilitative sono soprattutto, anche se non sempre, pazienti fragili e bisognosi di assistenza. Non essendo più tollerabile questo stillicidio di disinformazioni e di continua diffamazione di quanti con quotidiano sacrificio, professionisti e operatori, si adoperano per dare risposte ai bisogni sanitari degli assistiti, abbiamo già coinvolto i nostri avvocati per segnalare alla Procura della Repubblica i fatti di cui sopra, corredati dalle prove concrete della strumentalità e degli oscuri fini che alcuni, non certo in buona fede, stanno perseguendo.

Non è affatto vero, inoltre, che l’Asp di Catania stia per rescindere il contratto con Sisifo e l’onorevole Angela Foti, intervenuta recentemente, farebbe meglio a informarsi prima di rilasciare dichiarazioni allarmistiche e infondate. Anche l’Asp, tra l’altro, ci fa sapere che le presunte inadempienze attribuiteci non sono state riscontrate. Tali “inadempienze”, che sono state contestate alla Cure domiciliari Catania, costituita dalle cooperative cui Sisifo ha assegnato il servizio aggiudicato, sono quasi esclusivamente dovute alla tanto improvvisa quanto improvvida scelta di un gruppo di fisioterapisti che hanno scoperto di essere “mal retribuiti” soltanto il 1 novembre, quando cioè il Consorzio e per esso la Cure domiciliari Catania è subentrato a Medicasa, garantendo le medesime condizioni contrattuali a tutti i professionisti.

Nonostante il protrarsi dell’agitazione dei terapisti della riabilitazione, di cui Cure domiciliari Catania e il consorzio Sisifo non portano alcuna responsabilità, avendo sempre dichiarato la propria disponibilità al dialogo perché è comune interesse anche la soddisfazione economica dei professionisti, a tutti i pazienti è stato garantito l’invio di almeno un professionista. Invero ci risulta che diversi pazienti, con prove alla mano, sono stati strumentalmente sollecitati a protestare ‘gravi’ disservizi e addirittura che adesso alcuni operatori sono già al corrente di quanto l’ASP di Catania, a loro dire, dovrebbe fare nei prossimi giorni, cioè rescindere il contratto con Sisifo, come se tra loro e i dirigenti dell’Asp ci fosse un filo diretto per estromettere Sisifo e Cure domiciliari Catania dal servizio ADI. Così non è. Cure domiciliari Catania continuerà ad assicurare i servizi nelle prossime settimane e nei prossimi mesi sino all’accreditamento, che tutti auspichiamo avvenga il più presto possibile, o alla conclusione della durata dell’appalto, nella peggiore delle ipotesi.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati