Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
visita ginecologica

ASP e Ospedali

Lo accusa una paziente tunisina

«Abusi durante la visita ginecologica»: Villa Sofia-Cervello, ai domiciliari il primario di Uroginecologia

Nei confronti di Biagio Adile le accuse di una giovane paziente tunisina, che come prova avrebbe portato pure un filmato con il suo cellulare.

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. Biagio Adile (nella foto), il direttore della Uroginecologia di Villa Sofia-Cervello, è accusato di violenza sessuale su una paziente tunisina nel corso di due visite mediche. Stamattina al noto professionista, 65 anni, è stata notificata dalla polizia un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari.

La donna, 28 anni, ha raccontato di avere subito due atti di violenza: il primo presso lo studio del medico a Palermo e il secondo nell’ambulatorio di Villa Sofia-Cervello, dove Adile dirige l’unità d’Uroginecologia.

In base all’accusa, dopo il primo episodio di violenza nello studio privato, il medico avrebbe detto alla presunta vittima di fare anche un’ecografia in ospedale. La donna, sospettando che si sarebbe potuta ripetere la violenza, ha portato il cellulare per filmare la visita.

La giovane donna era arrivata in Italia per curarsi dopo i precedente tredici interventi in Tunisia, che non avevano avuto riscontro positivo.

Le indagini, coordinate dal pm Giorgia Righi e dall’aggiunto Ennio Petrigni, si sono avvalse della consulenza tecnica di un perito della Procura che ha estrapolato la registrazione.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati