Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Coronavirus

A Messina al via la campagna “il vaccino di tutti” per migranti, senza tetto e indigenti

L'iniziativa è organizzata dall'Ufficio per l'emergenza Covid 19, dall'ASP e da Federfarma Messina, insieme all'associazione "Terra di Gesù onlus". L’inoculazione avverrà al Centro Buon Pastore, all’Help Center e "on the road".

Tempo di lettura: 3 minuti

A Messina, i soggetti più deboli e senza fissa dimora, saranno destinatari di un’apposita campagna vaccinale, pensata proprio per venire incontro alle loro particolari esigenze. L’iniziativa denominata  “Il vaccino di tutti”, è stata illustrata oggi nel corso della conferenza stampa che si è tenuta al Centro Buon Pastore, ed è organizzata dall’Ufficio per l’emergenza Covid’19, dall’ASP e da Federfarma Messina, insieme all’associazione “Terra di Gesù onlus”. Lo scopo è quello di rimuovere gli ostacoli burocratici, che impediscono a questi soggetti di potersi vaccinare.

A spiegare nel dettaglio la situazione, è stato il dott. Francesco Certo, presidente dell’associazione “Terrà di Gesù onlus”: «Abbiamo una larga fascia della popolazione- ha dichiarato- che non ha i requisiti amministrativi per potersi vaccinare, come per esempio gli irregolari, che non avendo i documenti, non riescono ad entrare nelle piattaforme online e prenotarsi. Perdere la residenza, non avere tessera sanitaria e codice fiscale infatti, significa non potersi vaccinare. Abbiamo chiesto quindi al commissario Firenze, di fare cadere questi vincoli affinché tutti possano immunizzarsi, nell’interesse del singolo e anche della comunità. Per questo, abbiamo messo a disposizione il numero telefonico 377.5298805, che sarà attivo da lunedì, nei giorni feriali dalle 9 alle 18. Chiamando, sarà possibile prenotare il vaccino, comunicando semplicemente il nome e il cognome. L’inoculazione avverrà sia al Centro Buon Pastore, all’Help Center e on the road».

«Abbiamo immaginato di fare anche questo, raccogliendo l’invito del dott. Certo e del dott. Crimi- ha aggiunto il prof. Alberto Firenze– per permettere alla città di Messina di allinearsi con le altre province siciliane. Ieri, abbiamo iniziato con la Comunità di Sant’Egidio e stiamo proseguendo, per portare il vaccino anche a chi, difficilmente, lo andrà a cercare. Non sappiamo di preciso quante persone potremmo raggiungere in questo modo, ma ogni numero sarà importante, perché sarà un servizio realizzato nei confronti di chi ha bisogno. Le mie giornate passano con l’obiettivo di conoscere sempre meglio questo territorio e portare la vaccinazione dove ancora non è arrivata.  Il commissario si è pronunciato anche sulla recente notizia del green pass obbligatorio nei luoghi di lavoro: «Sono particolarmente contento di questa iniziativa del governo, l’obbligo del green pass infatti, potrà darci sicuramente una mano».

«Quando il dottore Certo mi ha spiegato il significato della parola invisibili- ha spiegato il dott. Giovanni Crimi, presidente di Federfarma Messina- sono rimasto profondamente colpito e ho subito contattato il commissario, e oggi siamo qui, pronti a partire. Dobbiamo essere solidali e dare a tutti la possibilità di vaccinarsi, per uscire dalla pandemia».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati