Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Studi medici ambulatori

Il chirurgo plastico condannato a pagare 75 mila euro

Mastoplastica riduttiva andata male, dopo 12 anni il risarcimento record

Quel seno troppo prosperoso, a 53 anni, le creava grande imbarazzo, ma dopo l’intervento si sarebbe ritrovata con una mammella vistosamente più grande dell’altra e grosse ed evidenti cicatrici - anche di 40 centimetri - che, partendo dal petto, arrivavano fino alla schiena.

Tempo di lettura: 2 minuti

Era entrata in sala operatoria per ridurre quel seno troppo prosperoso che, a 53 anni, le creava grande imbarazzo. Voleva stare bene con se stessa, sentirsi più bella e a suo agio, ma dopo l’intervento si sarebbe ritrovata con una mammella vistosamente più grande dell’altra e grosse ed evidenti cicatrici – anche di 40 centimetri – che, partendo dal petto, arriverebbero fino alla schiena.
Era il 2001 e P. C., che per anni ha fatto la bambinaia alla scuola materna «Oberdan», ed oggi, a 67 anni, è in pensione, dopo aver avviato nel 2003 una causa civile contro il medico che l’aveva operata, il luminare di Chirurgia estetica Michele Masellis (che è stato anche primario dell’omonimo reparto al Civico, nonché direttore dell’unità operativa) è riuscita ad ottenere il risarcimento per il danno biologico che avrebbe patito – poco meno di 75 mila euro (74.987,36 per l’esattezza) – solo alla fine dello scorso dicembre.

Sono serviti dunque dodici anni e la sentenza che riguarda la presunta responsabilità medica di Masellis, emessa in primo grado nell’estate del 2013, non è ancora definitiva. Una battaglia giudiziaria quella della donna, assistita sin dall’inizio dall’avvocato Marcello Longo, costellata da ostacoli, rinunce e ritardi. La sua causa, infatti, è stata vagliata negli anni da ben quattro giudici.

(fonte: www.gds.it)

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati