Emergenza urgenza

L'appello

118 in Sicilia, la Fials: «Urgono riforma e potenziamento del personale»

Il sindacato è intervenuto in commissione Sanità all'Ars, dove è stato convocato per un'audizione sui problemi del settore.

Tempo di lettura: 2 minuti

Riformare il 118 e potenziare il personale che risulta carente soprattutto nella Sicilia orientale. È quanto rappresentato ieri dal sindacato Fials Sicilia in commissione Sanità all’Ars, dove è stato convocato dal presidente Giuseppe Laccoto per un’audizione sui problemi del settore. «È assurdo – afferma Carmelo Salamone della Fials 118 – che a causa della grave carenza di personale autista soccorritore, nelle postazioni medicalizzate lo stesso sia stato sostituito dalla figura dell’infermiere. È assurdo che spesso a causa della carenza di personale rimangano attive postazioni con un solo autista soccorritore e una sola figura sanitaria, medico o infermiere, in violazione delle normative vigenti».

La Fials ha precisato che è necessario completare e ovviare alle carenze della pianta organica, anche al fine di garantire l’assorbimento del personale inidoneo alla mansione di autista-soccorritore. L’ultima pianta organica risale a 13 anni fa e oggi risultano circa 200 posti vacanti con una carenza di autisti soccorritori soprattutto nella Sicilia orientale. La Fials ha ricordato inoltre che va affrontato con urgenza il tema dei lavoratori inabili. « Gli autisti soccorritori sono stati assunti giovani- hanno spiegato i sindacalisti- ma oggi hanno un’età media di 50 anni e per anni hanno svolto un lavoro fortemente usurante, a maggior ragione dopo la pandemia. Chi soffre di patologie ed è inabile, purtroppo oggi non può essere ricollocato proprio a causa della mancanza di altre mansioni in una pianta organica obsoleta».

La Fials ha fatto presente che «a distanza di oltre un anno dal rinnovo del contratto collettivo non è stato ancora sottoscritto il contratto integrativo aziendale». I vertici della Fials, Sandro Idonea, Carmelo Salamone e Sebastiano Motta, hanno chiesto l’intervento del presidente Laccoto e dell’assessore Giovanna Volo presente all’audizione, per procedere in tempi molto celeri con la definizione del contratto integrativo e il pagamento degli istituti connessi. Il presidente Laccoto si è impegnato a programmare altro incontro in tempi celeri alla presenza dell’assessore e dei vertici Seus.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1


    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche