Emergenza urgenza

L'allarme

118 in Sicilia, il Mud: «Nelle ambulanze carenza di medici e infermieri»

Il "Movimento Unito 118 Dipendenti" Sicilia sollecita gli organi preposti ad attivarsi il prima possibile per la risoluzione della questione.

Tempo di lettura: 1 minuto

«Noi dell’associazione MUD da oltre 2 anni scriviamo sulla frequente mancanza di medici ed infermieri sulle postazioni SUES 118 in Sicilia e nonostante le nostre innumerevoli segnalazioni nulla è cambiato». Lo si legge in una nota del “Movimento Unito 118 Dipendenti” Sicilia, che prosegue così: «Vi preghiamo di far sapere all’utenza che nelle già poche ambulanze del SUES 118 in cui per Decreto Assessoriale dovevano esserci il medico e l’infermiere potrebbero continuare a verificarsi parziali carenze».

Dal MUD aggiungono: «Ad oggi l’utenza ha trovato soccorritori preparati a mettere una pezza, a coprire le falle del sistema. Sappia l’utenza che i soccorritori non sono nè medici nè infermieri, ma professionisti del soccorso che da più di 20 anni lavorano nelle ambulanze. Noi autisti-soccorritori chiediamo, al posto delle istituzioni preposte, scusa a tutti i cittadini per il disagio arrecato e invitiamo gli organi preposti ad attivarsi il prima possibile per la risoluzione della questione. La Sanità non è e non deve essere politica, è il diritto alla Salute garantito dalla Costituzione: difendiamola».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche