Talassemia e Tanzania, al via campagna di raccolta fondi all’ospedale Cervello

17 Mar 2016

Al campus di Ematologia iniziativa con l'Associazione Piera Cutino: oltre che per la ricerca scientifica, il ricavato sarà impiegato per aiutare un nosocomio africano. I donatori riceveranno le colombe artigianali Fiasconaro o le uova di Pasqua.

 

di

PALERMO. L’Associazione Piera Cutino e l’Azienda Ospedaliera Villa Sofia-Cervello proseguono a braccetto nel sostegno all’attività di ricerca per sconfiggere la talassemia. Quest’anno però al campus di Ematologia dell’Ospedale “Cervello” la tradizionale iniziativa di raccolta fondi “Promuoviamo la ricerca” presenta una novità.

Oltre alla ricerca scientifica per la talassemia, infatti, parte del ricavato della raccolta andrà a sostegno del “Progetto Tanzania” e in particolare sarà destinato a supportare il Muhimbili National Hospital di Dar es Salaam. In quel nosocomio il Prof. Lucio Luzzatto, ematologo di fama internazionale, segue circa 5 mila pazienti che necessitano di idrossiurea, un farmaco difficile da reperire in Tanzania e che- pur costando solo 15 dollari- rappresenta un costo elevatissimo per la popolazione locale.

Per questo l’Associazione Piera Cutino ha deciso di sostenere il progetto, offrendo uno dei tipici doni pasquali (le colombe artigianali Fiasconaro o le uova di Pasqua dedicate ai famosi personaggi Masha e Orso) a coloro che offriranno il proprio aiuto con una donazione minima di 11 euro. Nell’ambito dell’iniziativa l’Associazione Cutino donerà inoltre 100 uova di Pasqua alla Croce Rossa Italiana da distribuire a bambini e famiglie disagiate.

«L’Azienda Villa Sofia-Cervello-  afferma il direttore generale Gervasio Venuti– offre pieno sostegno a questa campagna di raccolta fondi dell’Associazione Cutino che, come le precedenti, punta a sostenere un’attività di ricerca nel campo della talassemia che ha prodotto finora risultati eccellenti».

«Crediamo- dichiara Alessandro Garilli, presidente dell’Associazione Cutino- che per raggiungere questo importante traguardo sia fondamentale il coinvolgimento dei ragazzi delle scuole e delle loro famiglie, con una semplice donazione per classe, così come pure l’impegno e la responsabilità delle imprese».

«Senza idrossiurea – dichiara il prof. Lucio Luzzatto, che segue quotidianamente i pazienti in Tanzania- soprattutto bambini e adolescenti vanno incontro a crisi falcemiche acute e dolorose. Crisi che possono produrre infarti a organi vitali come cervello, polmoni, fegato o ossa con un rischio elevato di morte. Per questo si chiede l’intervento dell’Associazione Cutino che in questi anni tanto ha fatto e continua a fare per i pazienti talassemici».

Gli Istituti e le aziende che intendono aderire all’iniziativa solidale per i pazienti talassemici potranno ricevere i prodotti pasquali (che l’Associazione personalizzerà con il proprio logo per sottolinearne la valenza sociale) compilando il modulo di adesione scaricabile dal sito www.pieracutino.it.

Per chi vive in Sicilia è inoltre possibile aderire richiedendo le uova o le colombe presso la sede dell’Associazione all’interno dell’Ospedale “Cervello” di Palermo o tramite le filiali del Gruppo Intesa Sanpaolo aderenti alla campagna e consultabile sempre sul sito dell’Associazione.

Per maggiori informazioni Scuole, aziende e privati possono inviare una email a adesione@pieracutino.it, chiamare il 349.4514293 o contattare l’Associazione tramite le pagine Facebook e Twitter.

Locandina progetto talassemia Piero Cutino

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV