DAL BLOG DI IN SANITAS

Disbiosi intestinali, i benefici della lattoferrina

13 giugno 2017

Costituisce sicuramente l'alternativa biologica ed una soluzione più vicina al nostro sistema immunitario.

Prof. Massimiliano Savioli, Ordinario di Medicina Interna ed Endocrinologia (La Sapienza di Roma)

Introduzione: La disbiosi intestinale è uno stato fisio-patologico che predispone a numerose patologie. Tra queste, gonfiore, stitichezza, diarrea, riduzione della forza, cambiamenti dell’umore, disturbi del sonno e nelle donne anche cistiti e candida vaginale.

Ecco i consigli del prof. Massimiliano Savioli (Ordinario di Medicina Interna ed Endocrinologia Università La Sapienza di Roma).

La somministrazione di Lattoferrina è sicuramente l’alternativa biologica ed una soluzione più vicina al nostro sistema immunitario,nelle disbiosi intestinali, in quanto fattore dell’immunità innata, primo fattore di sopravvivenza trasferito da madre a feto.

La lattoferrina supporta e determina la crescita dei batteri benefici mentre allo stesso tempo inibisce una vasta gamma di batteri patogeni (S. aureus, Listeria,H. pylori, patogeno E. coli) e virus (Rotavirus, virus respiratorio sinciziale, virus herpes e virus dell’epatite, Fleming, 2001; Johansson, 1960; Kijlstra, 1990; Ward et al., 2005).

La lattoferrina, possiede infatti un lobo da trasferrina ed un lobo specifico per il suo ruolo immunitario ed i suoi benefici sono facilmente associati a quelli riportati nei neonati con l’ingestione di colostro durante le prime fasi di allattamento (Fleming, 2001; Johansson, 1960). Per sua natura di prebiotico la lattoferrina produrrà la differenziazione di bifidi e di lactobacilli nell’importante fase dello svezzamento. Non a caso la lattoferrina è il primo presidio terapeutico riportato nelle Linee Guida Internazionali per l’ enterocolite del neonato o del prematuro.

Lattoferrina

La lattoferrina si lega fortemente al ferro che numerosi agenti patogeni richiedono per la loro crescita. La lattoferrina segnala inoltre al nostro sistema immunitario tutti i mediatori di difesa immunitaria. Regola la migrazione e maturazione dei principali difensori cellule immunitarie, come le cellule T, nella zona di infezione (Legrand et al., 2005). La lattoferrina inibisce anche la capacità del patogeno di legarsi alla parete intestinale, in quanto è in grado di legarsi direttamente agli organismi (Beeckman, 2007; Stenfors et al., 2001).

La lattoferrina non interferisce con la capacità del corpo di usare il ferro a sostegno della emodinamica sana. I pazienti che soffrono di carenza di ferro trovano maggior beneficio dalla somministrazione di lattoferrina piuttosto che di integratori di ferro.( Paesano Valenti)

La lattoferrina infatti contiene in se già 2 atomi di ferro per molecola, ed essendo la responsabile del turn-over del ferro a livello sistemico, impedisce qualsiasi deposito di ferro locale legato all’infiammazione. La lattoferrina di per se non è mai satura di ferro e questa sua doppia natura regola finemente la continua circolazione di ferro anche quando la ferritina è alta, come nell’anemia del paziente neoplastico. Sebbene il delicato meccanismo non è ancora del tutto compreso, si ritiene che lattoferrina migliora l’assorbimento e l’utilizzazione di ferro attraverso la membrana intestinale (Ward e Conneely, 2004; Paesano et al., 2008).

La Lattoferrina fecale è considerata oggi un marker biologico delle IBD. Alte concentrazioni di LF fecale sono sinonimo di malattia infiammatoria intestinale nel 85 % dei casi. In caso di infiammazione intestinale la lattoferrina affluisce quale mediatore umorale dell’ immunità e sua sua conseguente perdita con le feci giustifica la somministrazione esogena di lattoferrina in dose appropriate per ricostituire l’equilibrio del microbioma intestinale.

Solo concentrazioni esogene appropriate di lattoferrina ( 200 mg ) sono in grado di svolgere il ruolo biologico sul microbioma evitando disbiosi intestinali.

A riguardo, Tetraglobin HP, formulazione brevettata Just- Pharma, oltre alle ben note proprietà antianemiche è l’integratore chiave della donna in gravidanza in grado di proteggere il feto da patologie infettive, virali e fungine anche ricorrenti . La formulazione di Tetraglobin è infatti appositamente potenziata da Zinco, Vitamina C ed Acido Folico per stimolare non solo la fisiologica produzione di eritroci ma soprattutto le cellule immunitarie in funzione le richieste dell’ organismo

Grazie alla presenza di Lattoferrina in quantità biologicamente attiva ( 200 mg )

Tetraglobin HP esplica attività immunomodulante influenzando i livelli di immunomediatori quali interleukine 6 – 8 e TNF.

Tetraglobin HP sequestra il ferro necessario agli enzimi virali e alle cellule batteriche e fungine in crescita e, grazie a tale affinità, inibisce la formazione del biofilm batterico.

Tetraglobin HP si propone quindi come valido supporto nelle disbiosi intestinali e nelle infezioni ricorrenti, quali quelle delle vie genito-urinarie, e come coadiuvante nelle terapie per la disuria e la cistite, poiché una flora batterica ricca di Lattoferrina riduce il rischio di vaginiti e vaginosi.

______________________
– Fleming T (ed): Lactoferrin. In: PDR for Nutritional Supplements. Montvale, 2001, Medical Economics Company, 241-243.
– Johansson BG: Isolation of an iron-containing red protein from human milk, Acta Chem Scand 14:510-12, 1960.
– Kijlstra A: The role of lactoferrin in the nonspecific immune response on the ocular surface, Reg Immunol3(4):193-7, 1990-91.
– Ward PP et al: Multifunctional roles of lactoferrin: a critical overview, Cell Mol Life Sci Nov;62(22):2540-8, 2005.
– Legrand D et al: Lactoferrin: a modulator of immune and inflammatory responses, Cell Mol Life Sci62(22):2549-2559, 2005.
– Beeckman DS et al: Effect of ovotransferrin and lactoferrins on Chlamydophila psittaci adhesion and invasion in HD11 chicken macrophages, Vet Res Sep-Oct;38(5):729-39, 2007.
– Stenfors LE et al: Remarkable attachment of lactoferrin to Streptococcus pyogenes during acute pharyngotonsillitis, Acta Otolaryngol Jul;121(5):637-42, 2001.
– Ward PP and Conneely OM: Lactoferrin: role in iron homeostasis and host defense against microbial infection, Biometals Jun;17(3):203-8, 2004.
– Paesano R et al: The influence of lactoferrin, orally administered, on systemic iron homeostasis in pregnant women suffering of iron deficiency and iron deficiency anaemia, Biochimie Jun 14, 2008.
– Lonnerdal B and Iyer S: Lactoferrin: molecular structure and biological function, Annu Rev Nutr 15:93-110, 1995.
– Takeuchi T et al: Enteric-formulated lactoferrin was more effectively transported into blood circulation from gastrointestinal tract in adult rats, Exp Physiol Nov;91(6):1033-40, 2006.

TAG PER QUESTO ARTICOLO:

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Gli articoli più letti

I video più visti

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV