vittorio emanuele catania policlinico

Al Policlinico Vittorio Emanuele di Catania scoppia la protesta per i parcheggi: «Sono lontani, al buio e pericolosi»

25 settembre 2017

Lavoratori e sindacati in stato di agitazione, chiesta al prefetto la revoca del bando di assegnazione dei nuovi stalli.

 

di

CATANIA. Già proclamato lo stato di agitazione, viene annunciata in caso di mancato accordo pure la proclamazione di una o più giornate di sciopero. Al Policlinico Vittorio Emanuele di Catania è scontro aperto sui parcheggi esistenti e su quelli in corso di assegnazione tramite project Financing.

I sindacati Fsi-Usae, Nursind e Flc Cgil chiedono la revoca del bando sugli stalli del presidio Rodolico pubblicato pochi giorni fa in Gurs e l’istituzione di un tavolo permanente per la sicurezza dei lavoratori.

Adriana Aloisi (segreteria provinciale Flc Cgil), Marco Di Bartolo (segretario aziendale Nursind), Salvatore Vaccaro e Calogero Coniglio (rispettivamente segretari Provinciali del Nursind e della Fsi- Usae) hanno scritto al prefetto di Catania e all’assessore regionale della Salute, Baldo Gucciardi, comunicando che i lavoratori dell’azienda ospedaliera universitaria “Policlinico Vittorio Emanuele”, riunitisi in assemblea il 21 settembre al Policlinico e il 12 settembre al Vittorio Emanuele, unitamente alle tre Organizzazioni Sindacali, hanno proclamato lo stato d’agitazione.

I motivi? «La forte protesta dei lavoratori per la delibera adottata dalla direzione generale riguardante il bando di assegnazione dei parcheggi all’interno del Policlinico. C’è un problema di sicurezza per i dipendenti, che secondo il progetto sono costretti a parcheggiare al di fuori della struttura, in un multipiano, nel lato opposto del Policlinico, buio, lontano e pericoloso, di agevole accesso per malintenzionati».

Inoltre, secondo i sindacati «sussiste un problema di sicurezza anche al presidio Ferrarotto: da alcuni mesi è diventato un incubo lasciare le vetture all’interno della struttura. Una volta terminato il turno, in molti si ritrovano spesso con vetri rotti e segni di effrazione nelle automobili».

Le Organizzazioni Sindacali hanno richiesto al prefetto di Catania una urgente convocazione delle parti, cioè il direttore generale Paolo Cantaro e il rettore dell’Università, Francesco Basile, «per esperire la procedura di raffreddamento dei conflitti e sanare quanto di grave sta accadendo».

Infine, l’appello: «Il personale sanitario già vive condizioni di lavoro alquanto difficili e problematiche, con continui sacrifici, quindi ci aspettiamo dall’incontro non generici impegni, ma un piano di azioni in tempi certi e non lunghi. Se così non fosse, siamo pronti ad intraprendere successive azioni di mobilitazione per garantire la sicurezza di chi lavora».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Gli articoli più letti

I video più visti

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV